Pubblicazioni

Pubblicazioni

La bibliografia su Padre Placido Cortese si è arricchita della pubblicazione in lingua inglese di un importante studio sui campi di concentramento creati dal fascismo, già dato alle stampe in lingua italiana: Carlo Spartaco Capogreco, I campi del duce. L’internamento civile nell’Italia fascista (1940-1943), Torino 2004.

La versione in inglese è uscita nel corso del 2019 presso un editore prestigioso: Mussolini’s Camps. Civilian internment in fascist Italy (1940-1943), Carlo Spartaco Capogreco, translated by Norma Bouchard and Valerio Ferme, Routledge, 2019.

Il testo è quello che conosciamo, ma la bibliografia è stata integrata con le novità degli ultimi anni riguardanti Padre Cortese, come si può notare:

p. 229:

Among the Chiesanuova internees were many doctors who, despite the lack of proper instruments, did all they could to keep the prisoners healthy (much more so than the medical officers). Despite their efforts, in the 12 months that the camp remained in operation, 70 internees lost their lives. Significant also was the material and spiritual assistance that Fr. Placido Cortese, a Paduan priest originally from the island of Cherso (Cres), provided the internees with the support of Slovenian female students who attended the University of Padova.

p. 274:

Tottoli, A. Padre Placido Cortese vittima del nazismo, Padova: Edizioni Messaggero Padova, 2002 (first edition 2001).

p. 278:

Damosso, P. Padre Placido Cortese. Il coraggio del silenzio, Padova: Edizioni Messaggero Padova, 2006.

p. 279:

Jevnikar, I. and Tottoli, A. (eds), Padova-Chiesanuova. Un campo di concentramento e la carità di un frate, Padova: Gabriele Toso, 2009.

p. 280:

Meneghetti, F. Di là del muro. Il campo di concentramento di Treviso (1942–1943), Treviso: ISTRESCO, 2012.

p. 281:

Sartori, C. Padre Placido Cortese, Padova: Edizioni Messaggero Padova, 2010.

In coincidenza con il 25 aprile 2020, nel Magazine dell’Università di Padova “ilBoLive”, è stato pubblicato un articolo a firma dell’amico Ing. Adolfo Zamboni, Il Comandante “Renato”, dedicato all’Ing. Otello Pighin, figura di spicco della Resistenza padovana e veneta, caduto nel gennaio 1945, Medaglia d’oro al valor miliare. L’articolo ricostruisce con precisione l’operato e la drammatica fine dell’Ing. Pighin. Siamo grati all’autore per aver accennato anche a Padre Placido Cortese e alla rete Fra. Ma. Conserviamo sempre molta gratitudine verso l’Ing. Zamboni per la sua attiva collaborazione nel rintracciare importanti documenti d’archivio riguardanti Padre Placido Cortese, custoditi negli Stati Uniti d’America e Inghilterra.

 

LEGGILEGGI L’ARTICOLO SU IL BO LIVE – UNIVERSITÀ DI PADOVA STAMPA Versione PDF